Storia - Jass Curling Club _ Sesto S.G.

Vai ai contenuti

Menu principale:

Storia

Il Curling

Origini del Curling
La prima traccia del curling nel mondo fu trovata in Scozia nel XVI secolo. La Stirling Stone reca una iscrizione datata 1511 che è da considerare la prima citazione  scritta di quest'attività sportiva. Nel 1716, gli Scozzesi crearono il primo club, in seguito poi proliferarono in tutta la Scozia centrale. Nel 1838 si costituì il Royal Caledonian Curling Club e già si era giunti al modello attuale di forma  e dimensione dello stone ed alle attuali regole fondamentali di gioco. Da allora il curling si è diffuso in molte nazioni.
In Italia la culla di questa attività sportiva è stata Cortina d'Ampezzo dove, dopo una prima e sommaria apparizione negli anni 1925-1930, è praticato regolarmente dal 1952 anche dai turisti che qui si danno appuntamento da varie parti  del mondo. La Federazione Italiana Sport del Ghiaccio (F.I.S.G.) annovera il curling dal 1953 fra le proprie discipline ufficiali.
Il curling è anche uno sport pieno di tradizioni e di leggende: una di queste tradizioni è legata agli stones. Infatti tutte le stones in uso nel mondo derivano tutte da un'isola al largo della Scozia, Aisla Craig, che è formata da un particolare  tipo di granito molto resistente ed elastico. Al momento non si è ancora trovato un materiale che possa sostituirlo, e quindi si continua a usare quello! Una tipica leggenda scozzese narra che quando la pietra di Aisla Craig finirà, il mondo finirà  perchè non si potrà più giocare a curling!

Scarica la trascrizione del regolamento di un antico club di curling scozzese (
Aviemore, Scozia 1705)


Torna ai contenuti | Torna al menu